Cosa cambia tra jQuery e Flash

19 Marzo 2013

Come fanno a pesare così drasticamente meno le animazioni jQuery rispetto a Flash e ad essere anche più fluide?

La risposta è semplice: jQuery si basa su una libreria aperta, utilizzabile e modificabile da tutto il mondo che si racchiude in un unico file di circa 100KB, quando realizzo un’animazione con questa tecnologia, è il browser stesso che elabora le istruzioni JavaScript che ho inserito nella pagina e anima le immagini sul mio schermo.

A differenza di Flash che funziona tramite un plugin di Adobe che è studiato per non essere modificabile dall’utente e offrendo una serie di possibilità più amplia rispetto a jQuery lo rende più pesante da gestire.
C’è da aggiungere che jQuery risente di più della differenza tra un Browser e l’altro dato che la gestione del suo motore è implementata in maniera diversa da ogni produttore: Explorer ha un motore JavaScript più lento e quindi le animazioni jQuery risulteranno meno fluide mentre Flash risulterà molto simile sui diversi browser dato che tutto il lavoro per la generazione dell’animazione è demandato al plugin.

Il consiglio è di imparare a conoscere a fondo entrambi gli strumenti dato che solo approfondendo entrambe le strade si riesce ad avere una competenza tale da aggirare i lati negativi sia di Flash che jQuery ed ottenere un risultato ottimo per aumentare il comfort di navigazione dell’utente.

In entrambi i casi le animazioni vengono elaborate sul computer dell’utente finale e quindi la fluidità dell’animazione dipende molto dalle caratteristiche tecniche del computer su cui la sto visualizzando.

La tendenza degli ultimi anni è di utilizzare sempre di più jQuery anche per i problemi di compatibilità di Flash, ma come sempre si consiglia di scegliere in base alle necessità di ogni caso.

Continua a vedere il blog

Torna all'elenco